Nel 2016 eravamo intenti a progettare il format per un evento legato ai libri e al cinema. Con Giovanni parlavamo da un sacco di tempo dell’importanza di collegare queste due discipline. Un venerdì, mentre in ufficio lavoravamo al progetto, riceviamo una chiamata dal direttore commerciale dell’Isola del Cinema. Marc ci fissa un appuntamento a Roma, ma senza anticiparci un granché. Giusto una settimana dopo siamo seduti ad ascoltarlo al suo tavolo. La sua idea è di incaricarci l’organizzazione delle presentazioni letterarie all’isola, dal 9 giugno al 4 settembre.  Si tratta di programmare almeno una presentazione letteraria a sera. Mentre mi domando come potremmo, in soli quaranta giorni, pensare a un’impresa così ardua, il mio socio, con la massima sicurezza dice “Va bene!”. Non che non me lo aspettassi, così come ero certa che, appena usciti dall’appuntamento, si sarebbe al telefono per chiamare tutti gli autori che conosceva e invitarli. Andò esattamente come previsto e in nemmeno mezz’ora aveva già ricevuto le prime dieci conferme. Mi stavo preparando a sentirlo telefonare per tutto il viaggio, dalla Capitale a Fano, quasi quattro ore di auto, invece serafico mi dice: “Da domani dovremo chiamare tanta gente”.

Era l’occasione giusta per fargli le mie domande, e mi lanciai: “Giovi, ma non abbiamo troppo poco tempo per trovare così tanti autori?”
Sorridendo replicò: “Avremo il problema inverso, dovremo dire un sacco di no a tanta gente. Incrociamo le dita, sperando che non si offenda nessuno.”
Quell’estate nacque Cinema&Libri e noi all’Isola ospitammo più di centoventi artisti, in settantasette serate. Scrittori, attori, registi, sceneggiatori, giusto per citarne qualcuno: Roberto Ciufoli, Filippo Roma, Raffaele Cantone, Ferdinando Imposimato, Elodie, Pino Strabioli, Maurizio Ferrini, Piero e Paolo Villaggio, Massimiliano Bruno. Alcuni presentavano i loro lavori, altri erano ospiti o relatori, altri ancora venivano da noi a parlare di libri come Francesco Pannofino, Alessandro Haber o Christian De Sica. Quell’avventura mi fece capire che, se fai le cose con il cuore, i risultati arrivano di certo e fu solo l’inizio della storia del nostro Art Festival che quest’anno compie cinque anni.

On the road – Cinema&Libri Story – ©2021 DM Edizioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *